#profezie #2020 - ELETTRA AUTOMAZIONI cell. 337974400

Un’epidemia simile al Coronavirus era stata prevista nel libro di Sylvia Browne

Sylvia Browne (all’anagrafe Sylvia Celeste Shoemaker) era una sensitiva proveniente da una famiglia di medium.
Personaggio controverso e spesso al centro del dibattito, ha raggiunto il successo grazie alle sue straordinarie esperienze medianiche, avute sin da quando era bambina.
Molto celebre in America, i suoi libri sono bestseller tradotti in tutto il mondo.
La Browne ha anche fondato una chiesa sincretista in California (la Society of Novus Spiritus) e partecipato come consulente per polizia e FBI a oltre 100 casi di sparizione e omicidi. 

Nel 2012, un anno prima di morire, ha scritto insieme a Lindsay Harrison Profezie (in inglese End of Days), un libro dal sottotitolo “Che cosa ci riserva il futuro“.
Ed è proprio guardando nel futuro che l’autrice ha previsto, tra le altre cose, un’epidemia che tanto sembra ricordare l’attuale Coronavirus.

Entro il 2020 gireremo con mascherine e guanti per via di un’epidemia di polmonite.

Mascherine chirurgiche, guanti di gomma e una patologia che attacca i canali bronchiali e sembra refrattaria a ogni tipo di cura: nelle parole di Sylvia Browne si possono leggere richiami a eventi e fatti sfortunatamente attuali.
La sensitiva ha aggiunto che: “dopo aver provocato un inverno di panico assoluto, quasi in maniera più sconcertante della malattia stessa, improvvisamente svanirà con la stessa velocità con cui è arrivata, tornerà all’attacco nuovamente dopo dieci anni, e poi scomparirà completamente”.
In questi giorni di emergenza, lettori e siti di tutto il mondo, come Snopes,stanno rileggendo le parole di Browne per capire la possibile fondatezza della profezia.
La sensitiva aveva parlato anche di un’altra epidemia che il mondo avrebbe dovuto fronteggiare nel 2010, in realtà mai verificatasi. 

Categorie: News

0 commenti

Rispondi

WhatsApp chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: