#WhatsApp https://wa.me/39337974400 - ELETTRA AUTOMAZIONI cell. 337974400

<

div id=”mw-mf-page-center” style=”margin:0px; padding:0px; border:0px; font-style:normal; font-variant-ligatures:normal; font-variant-caps:normal; font-variant-numeric:inherit; font-variant-east-asian:inherit; font-weight:400; font-stretch:inherit; line-height:inherit; font-family:-apple-system,BlinkMacSystemFont,” segoeui”,roboto,lato,helvetica,arial,sans-serif; font-size:16px; vertical-align:baseline; background:nonergb(234,236,240); width:360px; min-height:100%; position:relative; color:rgb(34,34,34); letter-spacing:normal; orphans:2text-indent:0px; text-transform:none; white-space:normal; widows:2; word-spacing:0px; -webkit-text-stroke-width:0px; text-decoration-style:initial; text-decoration-color:initial; text-align:left;”>

Wikipedia


WhatsApp

applicazione di messaggistica istantanea multipiattaforma

<

div class=”content” id=”bodyContent” style=”margin:0px16px; padding:0px; border:0px; font-style:inherit; font-variant:inherit; font-weight:inherit; font-stretch:inherit; line-height:1.65; font-family:inherit; font-size:16px; vertical-align:baseline; background:none; position:relative; z-index:0; overflow-wrap:break-word;”>

<

div class=”mw-content-ltr” dir=”ltr” id=”mw-content-text” lang=”it” style=”margin:0px; padding:0px; border:0px; font-style:inherit; font-variant:inherit; font-weight:inherit; font-stretch:inherit; line-height:inherit; font-family:inherit; font-size:16px; vertical-align:baseline; background:none;”>

<

div class=”mw-parser-output” readability=”16″ style=”margin:0px; padding:0px; border:0px; font-style:inherit; font-variant:inherit; font-weight:inherit; font-stretch:inherit; line-height:inherit; font-family:inherit; font-size:16px; vertical-align:baseline; background:none;”>

<

div class=”mf-section-0″ id=”mf-section-0″ readability=”27″ style=”margin:0px; padding:0px; border:0px; font-style:inherit; font-variant:inherit; font-weight:inherit; font-stretch:inherit; line-height:inherit; font-family:inherit; font-size:16px; vertical-align:baseline; background:none;”>

<

table class=”sinottico” summary=”Tabella sinottica che riassume i principali dati del soggetto” style=”font-size: 15.2px; border-collapse: collapse; border: 1px solid rgb(170, 170, 170); background-color: rgb(249, 249, 249); vertical-align: top; line-height: 1.4em; display: block; width: 328px; margin-top: 1em; margin-right: 0px !important; margin-bottom: 1em; margin-left: 0px !important; overflow: auto hidden; float: none !important;”>

WhatsApp Messenger
software
Logo

Schermata di esempio

Genere Messaggistica istantanea Sviluppatore Facebook Data prima versione Gennaio 2009 Ultima versione iOS: 2.19.31 (20 marzo 2019)[1]
macOS: 0.2.3571 (20 febbraio 2017)
Android: 2.19.203 (22 luglio 2019)[2]
Windows Phone: 2.18.350 (16 maggio 2019; termine supporto a partire dal 31 dicembre 2019)[3]

Ultima beta 2.19.38 beta (5 febbraio 2019) Sistema operativo iOS
Android
Windows Phone
BlackBerry OS
Symbian
Windows
macOS

Linguaggio Erlang Licenza Software proprietario
(licenza non libera) Lingua Multilingua Sito web

<

div style=”margin: 0px; padding: 0px; border: 0px; font-style: inherit; font-variant: inherit; font-weight: inherit; font-stretch: inherit; line-height: inherit; font-family: inherit; font-size: 15.2px; vertical-align: baseline; background: none; word-break: break-all;”><a class=”external text” rel=”nofollow” href=”https://www.whatsapp.com/” style=”margin: 0px; padding: 0px 13px 0px 0px; border: 0px; font-style: inherit; font-variant: inherit; font-weight: inherit; font-stretch: inherit; line-height: inherit; font-family: inherit; font-size: 15.2px; vertical-align: baseline; background: linear-gradient(transparent, transparent) right center / 10px no-repeat, url(” w load.php?modules=”skins.minerva.content.styles.images&image=a.external&format=original&lang=it&skin=minerva&version=phwk6");” text-decoration: none; color: rgb(107, 75, 161); hyphens: none;”>www.whatsapp.com/

Messaggistica con WhatsApp

WhatsApp (formalmente WhatsApp Messenger) è un’applicazione informatica di messaggistica istantanea, creata nel 2009 e facente parte dal 19 febbraio 2014 del gruppo Facebook Inc. Gli utenti possono scambiare messaggi di testo, immagini, video e file audio, nonché informazioni sulla posizione, documenti e informazioni di contatto tra due persone o in gruppi tramite WhatsApp. È stato creato da WhatsApp Inc., con sede a Mountain View, California, che è stata acquisita da Facebook nel mese di febbraio 2014 per circa US $ 19,3 miliardi di dollari.

Originariamente ideata per utilizzo da dispositivo mobile, è stata sviluppata anche una versione per computer desktop; il servizio richiede agli utenti di fornire un numero telefonico di cellulare standard. Dapprima gli utenti potevano comunicare solo con gli altri individualmente o in gruppi di singoli utenti, ma a settembre 2017, WhatsApp ha annunciato una piattaforma commerciale imminente che consentirà alle aziende di fornire un servizio clienti agli utenti su larga scala.

StoriaModifica

La creazione ed il successoModifica

I fondatori di WhatsApp Brian Acton (a destra) e Jan Koum

L’applicazione fu creata nel 2009 da Jan Koumdi Kiev e da Brian Acton, due ex impiegati della società informatica Yahoo!. Dopo che Koum e Acton hanno lasciato Yahoo! nel settembre 2007, il duo si è recato in Sud America per prendersi una pausa dal lavoro. A un certo punto, hanno fatto domanda per lavorare con Facebook ma sono stati respinti. Per il resto degli anni seguenti Koum fece affidamento sui suoi $ 400.000 di risparmi da Yahoo!.

  • Nel gennaio 2009, dopo aver acquistato un iPhone e realizzato le potenzialità del settore delle app su App Store, Koum ha iniziato a incontrare il suo amico Alex Fishman a West San Jose dove i tre avrebbero discusso “…di avere uno statusaccanto ai singoli nomi delle persone”, ma questo non è stato possibile senza uno sviluppatore di iPhone. Fishman ha trovato uno sviluppatore russo su RentACoder.com, Igor Solomennikov, e l’ha presentato a Koum. Koum ha chiamato l’app “WhatsApp”. Il nome deriva dall’unione dell’espressione inglese What’s up, che significa Come va?, e App, ovvero applicazione[4]. Inizialmente l’applicazione fu sviluppata per iOS, per poi essere diffusa su tutti i principali sistemi operativi per smartphone.
  • Il 24 febbraio 2009, è stata fondata WhatsApp Inc., in California. Tuttavia, poiché le prime versioni di WhatsApp si bloccavano spesso o si bloccavano in un punto particolare, Koum voleva arrendersi e cercare un nuovo lavoro, ma Acton lo ha incoraggiato ad aspettare “qualche altro mese”.
  • Nel giugno 2009, Apple ha lanciato le notifiche push, consentendo agli utenti di eseguire il ping quando non stavano utilizzando un’app. Koum ha cambiato WhatsApp in modo che quando viene modificato lo stato di un utente, tutti gli utenti della rete dell’utente vengano avvisati. WhatsApp 2.0 è stato rilasciato con un componente di messaggistica e il numero di utenti attivi è aumentato improvvisamente a 250.000. Acton era ancora disoccupato e gestiva un’altra startup, e decise di unirsi alla compagnia.
  • Nell’ottobre 2009, Acton ha convinto cinque ex amici di Yahoo! a investire $ 250.000 in finanziamenti iniziali, e Acton divenne un co-fondatore e ricevette un interesse. È entrato ufficialmente il 1º novembre.
  • Dopo diversi mesi di fase beta, l’applicazione è stata lanciata a novembre 2009 esclusivamente su App Store per iPhone. Koum quindi assunse un amico che viveva a Los Angeles, Chris Peiffer, per sviluppare la versione BlackBerry, che arrivò due mesi dopo.
  • WhatsApp è passato da un servizio gratuito a uno a pagamento per evitare di crescere troppo velocemente, principalmente perché il costo principale era l’invio di testi di verifica agli utenti.
  • Nel dicembre 2009, la possibilità di inviare le foto è stata aggiunta a WhatsApp per iPhone. All’inizio del 2011, WhatsApp è stata una delle prime 20 app nell’App Store di Apple negli Stati Uniti.
  • Nell’aprile 2011, Sequoia Capital ha investito circa $8 milioni per oltre il 15% della società, dopo mesi di trattative con Jim Goetz, socio di Sequoia.
  • A febbraio 2013, WhatsApp contava circa 200 milioni di utenti attivi e 50 membri dello staff. Sequoia ha investito altri $50 milioni e WhatsApp è stato valutato a $1,5 miliardi.
  • In un post sul blog di dicembre 2013, WhatsApp ha affermato che 400 milioni di utenti attivi hanno utilizzato il servizio ogni mese.

L’acquisto da parte di FacebookModifica

  • Il 19 febbraio 2014, mesi dopo un finanziamento di capitale di rischio intorno a $ 1,5 miliardi di valutazione, Facebook ha annunciato che stava acquistando WhatsApp, assicurando però l’assenza di pubblicità nel software[5], per 19 miliardi di dollari statunitensi, la sua più grande acquisizione fino ad oggi. All’epoca, l’acquisizione era il più grande acquisto di una società sostenuta dall’avventura nella storia. Sequoia Capital ha ricevuto un ritorno approssimativo di 50 volte sul suo investimento iniziale. Facebook, che è stato consigliato da Allen & Co, ha pagato 4 miliardi di dollari in contanti, 12 miliardi di dollari in azioni Facebook e (consigliati da Morgan Stanley) altri 3 miliardi di dollari in quote limitate concesse ai fondatori di WhatsApp, Koum e Acton. Lo stock di dipendenti è stato programmato per vestire oltre quattro anni dopo la chiusura. Giorni dopo l’annuncio, gli utenti di WhatsApp hanno subito una perdita di servizio, portando alla rabbia tra i social media.
  • L’acquisizione ha causato il trasferimento di un numero considerevole di utenti o l’esecuzione di altri servizi di messaggistica. Telegram ha affermato di aver visto 8 milioni di download aggiuntivi della sua app. Line ha affermato di aver visto 2 milioni di nuovi utenti per il suo servizio.
  • In occasione di una presentazione programmatica al Mobile World Congress di Barcellona nel febbraio 2014, il CEO di Facebook, Mark Zuckerberg ha dichiarato che l’acquisizione di WhatsApp da parte di Facebook era strettamente legata alla visione di Internet.org. Secondo un articolo di TechCrunch, la visione di Zuckerberg per Internet.org era la seguente:

L’idea, ha detto, è di sviluppare un gruppo di servizi Internet di base che sarebbe gratuito da usare – “un 911 per Internet”. Questi potrebbero essere un servizio di social network come Facebook, un servizio di messaggistica, forse ricerca e altre cose come il tempo. Fornire un insieme di questi gratuitamente agli utenti funzionerà come un tipo di droga di accesso – gli utenti che potrebbero essere in grado di permettersi servizi dati e telefoni in questi giorni non vedono semplicemente il motivo per cui dovrebbero pagare per tali servizi dati. Ciò darebbe loro un contesto per il motivo per cui sono importanti, e questo li porterà a pagare per più servizi come questo – o almeno così spera.

  • Appena tre giorni dopo aver annunciato che WhatsApp è stato acquistato da Facebook, Koum ha detto che stavano lavorando per introdurre chiamate vocali nei prossimi mesi. Ha anche anticipato che i nuovi telefoni cellulari sarebbero stati venduti in Germania con il marchio WhatsApp, in quanto il loro obiettivo principale era essere su tutti gli smartphone.
  • Nell’agosto 2014, WhatsApp è stata l’app di messaggistica più diffusa a livello globale, con oltre 600 milioni di utenti attivi.
  • All’inizio di gennaio 2015, WhatsApp contava 700 milioni di utenti attivi mensilmente con oltre 30 miliardi di messaggi inviati ogni giorno.
  • Nell’aprile 2015, Forbes ha previsto che tra il 2012 e il 2018 il settore delle telecomunicazioni perderà un totale complessivo di $ 386 miliardi a causa di servizi OTT come WhatsApp e Skype. Quel mese, WhatsApp aveva oltre 800 milioni di utenti attivi.
  • A settembre 2015, la base di utenti era cresciuta fino a 900 milioni e a febbraio 2016 era cresciuto fino a un miliardo.
  • A partire dal 30 novembre 2015, il client Android per WhatsApp ha iniziato a creare collegamenti a un altro messaggero chiamato Telegram, non modificabile e non copiabile. Questo è un blocco attivo, come confermato da più fonti, piuttosto che un bug, e il codice sorgente Android che riconosce gli URL di Telegram è stato identificato. Gli URL con “telegramma” come nome di dominio vengono presi di mira attivamente ed esplicitamente – la parola “telegramma” appare nel codice. Questo funzionamento rischia di essere considerato anticoncorrenziale, e non è stato spiegato da WhatsApp.
  • In risposta all’acquisizione di Facebook nel 2014, l’editorialista di Slate Matthew Yglesias ha messo in dubbio che il modello di business della società che addebita agli utenti $ 1 all’anno fosse redditizio negli Stati Uniti a lungo termine. Aveva prosperato sfruttando una “scappatoia” nei prezzi delle compagnie di telefonia mobile. “Gli operatori di telefonia mobile non vendono realmente ai consumatori alcun servizio vocale, alcuni servizi dati e alcuni servizi SMS”, ha spiegato. “Stanno vendendo l’accesso alla rete: i diversi schemi di prezzo che escono sono solo modi diversi di cercare di massimizzare il valore che estraggono dai consumatori”. Come parte di ciò, i gestori vendevano gli SMS separatamente. Ciò ha reso facile per WhatsApp trovare un modo per replicare gli SMS utilizzando i dati, per poi venderli a clienti mobili per $ 1 all’anno. “Ma se WhatsApp diventerà abbastanza grande, la strategia dell’operatore cambierà”, ha predetto. “Smetti di vendere piani separati per gli SMS e prendi semplicemente un pacchetto completo take-it-or-leave-it e poi improvvisamente WhatsApp non sta facendo nulla”. La situazione potrebbe essere stata diversa in paesi diversi dagli Stati Uniti.

La versione per computer desktopModifica

Nel gennaio del 2015, un nuovo aggiornamento permette di usare l’app al PC tramite un client su Google Chrome (iOS e iPhone furono esclusi in questo aggiornamento e furono successivamente aggiunti nel corso dei mesi)[6]. Dal 21 dello stesso mese è statoa creata la versione WhatsApp Web, che permette l’utilizzo dell’applicazione anche su desktop attraverso l’utilizzo di browser quali Chrome, Firefox, Opera e Safari. Successivamente, il servizio viene esteso anche al nuovo browser Microsoft Edge, rilasciato in luglio 2016. È possibile collegarsi al proprio profilo utente inquadrando un QR Code, potendo così utilizzare le normali funzionalità di messaggistica[7].

Il 10 maggio 2016 è stata pubblicata l’applicazione WhatsApp PC, che permette l’utilizzo dell’applicazione sul desktop senza browser; la nuova applicazione è disponibile per Windows (versione 8 o successiva) e macOS, (a partire dalla versione 10.9 o successiva).

CaratteristicheModifica

Oltre allo scambio di messaggi testuali è possibile inviare immagini, video, audio, documenti, la propria posizione geografica e fare chiamate e videochiamate VoIP (fino a quattro interlocutori contemporaneamente) con chiunque abbia uno smartphone dotato di connessione a Internet e abbia installato l’applicazione.

  • Fino al 17 gennaio 2016, l’applicazione prevedeva (dal momento dell’attivazione) un periodo di prova di 1 anno e successivamente il pagamento di un abbonamento[8], in particolare un canone annuale di 0,89 € per Android, BlackBerry o Windows Phone.
  • È stata successivamente introdotta la possibilità di abbonarsi per 3 anni al prezzo di 2,40 € o per 5 anni al prezzo di 3,34 € e la possibilità di pagare per un amico. Il servizio viene attivato sul numero dell’utente, che potrà liberamente cambiare cellulare, reinstallare o aggiornare il software, purché il numero telefonicorimanga invariato. Per la piattaforma iOSera invece richiesto un canone pari ad € 1 una tantum, al primo download. Questa politica ha suscitato accese proteste soprattutto da parte di utenti non Apple.
  • Il 18 gennaio 2016, il co-fondatore di WhatsApp, Jan Koum, ha annunciato che il servizio non addebiterà più ai propri utenti una quota annuale di 1 € nel tentativo di rimuovere una barriera incontrata da alcuni utenti che non dispongono di una carta di credito per pagare il servizio[9]. Ha anche spiegato che l’app non mostrerà pubblicità di terze parti e invece porterebbe nuove funzionalità come la capacità di comunicare con le organizzazioni aziendali.
  • Dal 5 aprile 2016, per tutti gli utenti che possiedono la versione più recente dell’applicazione, viene implementata la sicurezza end-to-end. Questa speciale crittografia permette solo all’utente mittente e all’utente destinatario interessati di possedere i permessi per leggere e agire sui messaggi della conversazione in comune. Nello specifico, questa procedura permette di avere delle conversazioni sicure al punto tale da renderne molto più difficile l’intercettazione. Neppure WhatsApp stesso ha i permessi per agire sui messaggi di testo, vocali o qualsiasi siano loro[10].
  • Nel giugno 2016, oltre 100 milioni di chiamate vocali vengono effettuate ogni giorno su WhatsApp secondo un post sul blog dell’azienda.
  • Nell’agosto 2016 WhatsApp ha modificato i termini di servizio e l’informativa sulla privacy, collegando gli account WhatsApp e Facebook e condividendo le informazioni con Facebook. L’Antitrust UE ha deciso di infliggere una multa da 110 milioni di euro a Facebook per aver fornito informazioni fuorvianti al momento dell’acquisto di WhatsApp: quando aveva acquistato l’azienda, Zuckerberg aveva assicurato alla Commissione europea di non poter collegare gli account dei due social.
  • Il 10 novembre 2016, WhatsApp ha lanciato una funzione di verifica in due passaggi in versione beta per gli utenti Android. Dopo aver abilitato questa funzione, gli utenti possono aggiungere il loro indirizzo e-mail per ulteriore protezione. Sempre a novembre 2016, Facebook ha smesso di raccogliere i dati di WhatsApp per la pubblicità in Europa.
  • Il 14 novembre 2016 sono state introdotte le videochiamate[11].
  • Dal 21 febbraio 2017 (l’ottavo compleanno di WhatsApp) è stata introdotta la funzione Stato. Essa permette di caricare una foto o un video che rimarrà visibile a tutti i contatti per un lasso di tempo di 24 ore. La funzione è simile a quelle già presenti su Snapchat, Instagram e Facebook[12].
Post Views: 336

Mi piace:

Categorie: News

0 commenti

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: